Pneumatici

Come avviene la revisione? I controlli sulle gomme

Revisioni auto controllo gomme

Inutile sottolineare quanto il buono stato degli pneumatici sia fondamentale per garantirvi di spostarvi in sicurezza e di arrivare tranquilli alla vostra meta (salvo buche o chiodi per strada… ma questo è un altro discorso!).

È per questo che durante la revisione periodica del vostro veicolo, gli pneumatici verranno scrupolosamente controllati. In caso di esito negativo di uno dei seguenti controlli, il veicolo dovrà ripetere la revisione entro un mese, e con le gomme nuove!

1️⃣ Primo controllo: il battistrada.
Il limite minimo di profondità del battistrada ammesso dalla legge è pari a 1,6 mm per automobili e furgoni, 1 mm per le moto e 0,5 mm per i ciclomotori.
Per misurare lo spessore del battistrada ci si può rivolgere a un gommista o -se si dispone di un calibro e di buona volontà- fare da sé!
Molti pneumatici hanno comunque un indicatore che, quando diventa visibile, dà il segnale inequivocabile che è tempo di cambiare le gomme!

2️⃣ Secondo controllo: gli assi.
Gli pneumatici montati sulle ruote dello stesso asse devono essere sempre della stessa marca, della stessa misura, e nel medesimo stato di usura. I problemi potrebbero sorgere in caso di sostituzione di una ruota forata con quella di scorta: prima di venire al controllo ricordate di passare dal gommista e far riparare la gomma che avete sostituito!

3️⃣ Terzo controllo: la regolarità del pneumatico.
Sulla carta di circolazione sono indicate le misure previste dal costruttore per il vostro veicolo. In genere, sono ammesse delle alternative, che sono sempre indicate nella carta di circolazione. Inoltre, ogni pneumatico ha un suo indice di carico (ossia, la sua attitudine a trasportare pesi: quello di un furgone è sicuramente più resistente di quello di un ciclomotore) e il codice di velocità (indica la sua attitudine a resistere alle sollecitazioni dettate dalla velocità: quello di una piccola utilitaria, se portato a 300 all’ora, rischierebbe di esplodere!). Anche questi parametri devono essere uguali o superiori a quelli scritti sulla carta.
Per il codice velocità c’è una piccola eccezione nel periodo invernale, e precisamente dal 15 novembre al 15 aprile, con un mese di tolleranza per le operazioni di montaggio/smontaggio.
In questo periodo, se si montano pneumatici invernali M+S, il Codice della Strada ammette il montaggio di pneumatici con codice di velocità “Q” (corrispondente a una velocità massima di 160 km/h)

4️⃣ Quarto controllo: lo stato generale.
Le vostre gomme hanno strani rigonfiamenti? Screpolature? Lacerazioni? In questo caso, al di là dell’inevitabile bocciatura alla revisione, gli pneumatici vanno sostituiti quanto prima.

Per mantenere gli pneumatici della vostra auto in perfetta salute, vi consigliamo di controllare spesso la pressione di gonfiaggio, ricordando che una pressione insufficiente determina un’usura più marcata sui lati del battistrada. Al contrario, una pressione eccessiva determina un consumo irregolare al centro del battistrada.
Attenzione inoltre agli urti contro marciapiedi e cordoli, alle strade con fondo in cattive condizioni, specie in caso di pioggia, neve o visibilità scarsa. In questo caso ci si può affidare alla fortuna… o aiutarla, riducendo la velocità!

Foto di Gerd Altmann: https://www.pexels.com/it-it/foto/pneumatico-21694/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi